Come scegliere il materasso giusto per te

  • Autore: PIERLUIGI LORO
  • 24 nov, 2017
mano tasta un materasso

Il tuo vecchio materasso non ti fa più risposare al meglio? Il mal di schiena è diventato una costante delle tue giornate? È ora di cambiare!

Avere un buon supporto per il sonno è indispensabile per riposare durante la notte ed evitare fastidi fisici: in media, il tempo ideale da dedicare al dolce dormire è di 8 ore, perché il corpo e la mente risultino riposati e pronti ad affrontare la giornata successiva. Ma spesso, di fronte all'ampia scelta di materassi sul mercato, si finisce per essere indecisi e confusi.

Ecco 3 cose da sapere assolutamente per prendere la decisione giusta.

Dimmi come dormi e ti dirò che materasso acquistare

Lattice, memory foam, molle, sono tutti delle ottime soluzioni per dormire bene e non ce n'è una migliore delle altre. Quale scegliere? Dipende dalla posizione che usi abitualmente per dormire: per chi dorme supino si consiglia un materasso più rigido per sostenere la schiena; per chi dorme invece sul fianco, il materasso morbido è l'ideale per far sprofondare la spalla e stare comodi.

Un buon materasso deve distribuire equamente la pressione

I materassi in lattice sono i più rigidi, ma anche flessibili e si adattano ai contorni del corpo. Ideali per chi si muove molto nel letto o per chi soffre di allergie perché molto traspiranti. Il memory foam, come suggerisce il nome, “si ricorda” delle tue forme e ti accoglie perfettamente, adattandosi ad esse e distribuendo la pressione uniformemente. Le molle evitano che ci siano accumuli di pressione su alcuni punti del corpo e consentono un'ottima areazione.

Prima di acquistare, sdraiati e prova il materasso

Quando si va alla ricerca di un materasso è essenziale provarlo, oltre a chiedere informazioni a riguardo. E non basta solo sedersi, bisogna dedicare tempo alla scelta, sdraiarsi per una decina di minuti per capire se quello che si pensa possa essere il materasso giusto, lo è davvero. Una volta che ti sarai sdraiato sul materasso, passa una mano tra la zona lombare e la superficie per verificare la quantità di spazio tra quest'ultima e la tua schiena. Se ce n'è troppo significa che il materasso è duro per te mentre se la tua schiena è attaccata alla superficie, è troppo morbido.

Seguendo questi tre consigli troverai il miglior compagno di riposo per te!

Autore: PIERLUIGI LORO 16 gen, 2018

Dei nostri materassi conosciamo la data di acquisto, ma non sempre ci rendiamo conto di quando è il momento giusto per cambiarli.

Di solito un buon materasso è progettato per durare dai sette ai dieci anni: passato questo tempo è consigliabile cambiarlo.

Autore: PIERLUIGI LORO 16 gen, 2018

Da tempo il lattice si è imposto come uno dei materiali più diffusi e richiesti per la produzione di materassi: la sua estrema flessibilità e la sua resilienza ne fanno un prodotto altamente adattabile e comodo per adulti, bambini e anziani.

Il lattice è un materiale completamente elastico e biodegradabile: nella sua versione 100% naturale, viene ottenuto dalla pianta Havea Brasiliensis, coltivata in Amazzonia, Asia e Africa.

Perché un materasso venga dichiarato in lattice 100% naturale, è necessario che sia composto almeno per l'85% da materiale naturale, che sia alto almeno dieci centimetri e che la provenienza sia esplicitamente dichiarata come previsto dalle normative vigenti.

Il lattice naturale, durante la sua estrazione, si presenta come una sostanza fluida e vischiosa che verrà poi trasformata in schiuma attraverso un processo di vulcanizzazione.

La struttura del materiale, oltre a essere molto elastica, è anche particolarmente traspirante e ha la capacità di tenere lontani muffe e batteri.

Tuttavia, il lattice 100% naturale non presenta solo pregi: nei soggetti predisposti può causare allergie. Sarebbe preferibile in tal caso far ricadere la scelta su un lattice sintetico come il memory foam che, pur essendo chimicamente trattato, non porta reazioni allergiche e ha anche un costo minore.

Autore: PIERLUIGI LORO 18 dic, 2017
La scelta di un materasso richiede tempo e pazienza: se vi siete già recati da un produttore, avrete avuto modo di visionare un ricco assortimento di materassi di tutti i tipi.
I materassi possono differenziarsi per scelta dei materiali (lattice naturale 100%, memory foam, materasso a zone), altezza e categoria di persone a cui sono destinati (bambini, adulti, anziani, soggetti interessati da problemi circolatori, problemi di peso o disturbi posturali).
Le alternative sono davvero tantissime e non è semplice districarsi in una giungla di prodotti così simili tra loro: vi consigliamo quindi di valutare le varie caratteristiche dividendole per punti.
Autore: PIERLUIGI LORO 24 nov, 2017

Quali sono le caratteristiche del memory foam? Un supporto stabile, un materiale che si adatta perfettamente alle forme del corpo e ottima sensibilità alla temperatura corporea. Nato come materiale utilizzato dalla NASA all'interno delle navicelle spaziali per renderne più confortevole la seduta, oggi è impiegato in gran parte per la produzione dei materassi.

Autore: PIERLUIGI LORO 24 nov, 2017

Ti svegli tutte le notti perché la rete del letto fa strani rumori? Si è deformata e non ti permette più di dormire in modo sano? Probabilmente è arrivato il momento giusto per pensare di cambiarla. Sul mercato ci sono modelli moderni e con una tecnologia all'avanguardia che renderanno gradevole e riposante il tuo sonno. Le reti si dividono in due tipologie: quelle a molle e quelle a doghe.

Scopriamone insieme le caratteristiche per capire quale modello può essere il più adatto alle tue esigenze.

Autore: PIERLUIGI LORO 24 nov, 2017

Il tuo vecchio materasso non ti fa più risposare al meglio? Il mal di schiena è diventato una costante delle tue giornate? È ora di cambiare!

Avere un buon supporto per il sonno è indispensabile per riposare durante la notte ed evitare fastidi fisici: in media, il tempo ideale da dedicare al dolce dormire è di 8 ore, perché il corpo e la mente risultino riposati e pronti ad affrontare la giornata successiva. Ma spesso, di fronte all'ampia scelta di materassi sul mercato, si finisce per essere indecisi e confusi.

Ecco 3 cose da sapere assolutamente per prendere la decisione giusta.

Autore: PIERLUIGI LORO 13 ott, 2017

Spesso la poltrona è il luogo in cui passiamo gran parte del nostro tempo libero. La poltrona ideale, quindi, deve riunire in sé design e funzionalità ed essere in grado di sostenere perfettamente la schiena.

Esistono moltissimi modelli in commercio, ma per quanto riguarda la comodità, i più apprezzati sono sicuramente quelli con lo schienale alto e i braccioli. Meglio ancora se la poltrona è dotata di meccanismi che permettono di alzarsi più facilmente, o addirittura di sdraiarsi, rendendola ancora più versatile. Ecco quindi 3 idee innovative all’insegna del relax e della comodità.
Autore: PIERLUIGI LORO 05 set, 2017
Sempre più spesso ci viene ricordata la necessità di mantenere una corretta postura mentre camminiamo, guidiamo o lavoriamo al computer. Ma non basta! Anche assumere una posizione sbagliata durante il sonno, infatti, può compromettere la qualità del riposo, e perfino creare fastidi a lungo termine. Per di più si tratta di problemi difficili da correggere, dato che mentre dormiamo tendiamo a muoverci senza nemmeno rendercene conto.
Autore: PIERLUIGI LORO 11 ago, 2017

Chi soffre di allergie respiratorie, purtroppo, sa bene quanto sia difficile assicurarsi un riposo tranquillo: infatti spesso anche la pulizia più maniacale della propria casa non è sufficiente a eliminare del tutto gli acari della polvere. Il 75% delle allergie respiratorie è causato proprio dagli acari, che a differenza del polline possono tormentarci durante tutto l’arco dell’anno, causando problemi di respirazione, starnuti, tosse persistente ed eccessiva lacrimazione.

Spesso si rischia di trascurare l’importanza del materasso, che tende ad assorbire polvere e umidità, e a diventare il principale nemico dei soggetti allergici: gli acari infatti si nutrono dei residui di pelle morta, e si concentrano negli ambienti caldi e umidi, trovando perciò nel materasso il loro habitat ideale. Se pensiamo che passiamo circa 8 ore al giorno nel nostro letto, diventa chiara l’importanza di dedicargli una maggiore attenzione.
Autore: PIERLUIGI LORO 06 lug, 2017

Al giorno d’oggi esistono in commercio varie tipologie di materassi, ognuna delle quali con differenti caratteristiche in termini di materiali e di relative prestazioni a livello ortopedico e sanitario. Per questa ragione è bene sempre provare ogni modello prima di acquistarlo, proprio allo scopo di vedere quale sia il materasso più comodo per le proprie esigenze di riposo. I tipi di materassi disponibili sul mercato sono inoltre soggetti anche alle mode e alle tendenze: infatti in questi ultimi periodi è stato spesso pubblicizzato un nuovo materasso in memory, materiale innovativo dalle grandi capacità di adattamento alla forma del corpo. Altre due tipologie di materassi particolarmente venduti sono quello in lattice e il modello classico a molle, indipendenti o di tipo tradizionale.

Sulla base di queste premesse, andiamo quindi a vedere quali sono le principali differenza tra queste quattro principali tipologie di materassi, al fine di avere un’idea più chiara sulla scelta da compiere all’acquisto.
Altri post
Share by: